Pianificare il tempo per me

Cosa significa per te la parola pianificare?

Che cosa ti fa venire in mente?

A me vengono in mente altri concetti come “strategia”, “fissare delle regole”, “sfruttare il tempo”, “obbiettivi”, “organizzare”…

Non mi sfiorano nemmeno parole come “libertà” e “creatività”.

Eppure per me pianificare sta diventando proprio questo: libertà, creatività ed azione.

Contrariamente alle emozioni che la parola può suscitare e alle immagini piuttosto rigide a cui rimanda in realtà “pianificare” permette di riscoprire il tempo per sè.

Sai cosa succede a me quando sono troppo “libera”? Quando non pianifico le mie giornate (soprattutto lavorative)? Non concludo niente.

So esattamente quali sono i progetti da portare avanti ma il non aver deciso quale azione io debba fare blocca il flusso del lavoro e perdo tempo a fare dell’altro, il più delle volte totalmente inutile, e mi ritrovo a procrastinare le cose importanti.

Come mi sento? Stanca e insoddisfatta.

Soluzione: alla sera compilo l’elenco delle cose da fare il giorno successivo.

Risultato: lista alla mano e con un po’ di disciplina faccio tutto quello che mi sono scritta ed avanzo anche tempo per me.

Ecco che pianificare mi permette di concludere i progetti, non sentirmi avvilita ma soddisfatta e soprattutto mi dà la possibilità di recuperare del tempo che posso dedicare serenamente a me stessa, senza sensi di colpa.

Il mio prossimo obbiettivo è quello di segnare in agenda il “tempo per me” in modo da dargli il giusto valore, come qualsiasi altro impegno, anzi, direi come cosa più importante. In fondo se io sto bene, mi prendo cura di me, sono soddisfatta… avrò molta più energia ed entusiasmo anche per prendermi cura degli altri.

Che ne pensi?

Tags:
No Comments

Post A Comment